Cerca
  • Libereria

LA MORA DI SPINE di Antonio Ardizzone


Ho delle pietre addossate alla schiena che pesano e dolgono ma solo se ti ci appoggi con disomogeneità armonizzate come un manto mutano in fiori dalle ali rampicanti che alleggeriscono il passo ed è tutta fragrante salute, e quando dormo come sogno? Eh... sdraiato! S'insinuano dagli umori come uccelli nel discorso come parole sul fischiettio ricordi niente qualcosa astratto la mora di spine che vorrà dire?


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof