Cerca
  • Libereria

LA NOTTE DEL POTERE di Valentino Picchi "Hechìzo"


La notte deve andare: festa chiusa, Il cielo è tutto un Salutare, un congedarsi, Frenetico via vai... Arriva il domani! C'è una stella che Non se ne vuole andare Ha ragione ha pagato , La luna mezza ubriaca Viene spinta via Di peso e Dai che c'è da sistemare, Orione tira via L'ultima striscia di Comete, e Si rivesta Venere Che Apollo incombe Col giorno sottobraccio! Tutto zoppica verso L'uscita, forzosi ciao, Il domani sta arrivando è Questione di minuti. La notte ha una canzone Cantata da nessuno, teatrino di ricambi, gioco di poltrone per Sembrare un cielo Sempre fermo: Gattopardo costellato. Pericoloso il domani, va Raggirato e poi Dovrà mettersi in fila Come tutti gli altri, Il favore di sorgere e Comunque il dovere di tramontare. L'alba è una questione Politica, mera astrologia, Opinione, un ufficio Di collocamento mentre Il futuro continua a dormire, Il passato a votare, Il presente a mangiare Più o meno. Intanto è ancora notte: Tutto un finto salutare e Sistemare, È così che ti frega, la notte, La festa continua, ma Tu dormi, aspetti il giorno.


4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria