Cerca
  • Libereria

LISERGICO (a Verona) di Marco Zanni


L'amore non esiste. La vita la morte nemmeno. Solo connessioni strette, avvinte. Vinte. Ci crediamo vincitori ma siamo terre di conquista. Vinti. Imbrattati. Rovinati. Venti gelidi attraversano le ossa e ritornano. Venti gli anni attraversano la vita una sola volta. All in. Una grande slot machine. Musica e colori. La velina del prestigiatore. Il prestigio rapido e finto che nasconde l'incubo finto e profondo. Finto il fondo doppio e triplo. Finti noi, altri universi sotto i piedi e nella testa. Siamo solo passaggi di stato, di istanti passati, nostalgia di quel che è stato. Viviamo nel ricordo di chi rimane, ma non rimane vivo nessuno, nemmeno il ricordo. Decapitato osservo la mia testa rotolare. Capita anche questo da queste parti.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st