Cerca
  • Libereria

LISERGICO (a Verona) di Marco Zanni


L'amore non esiste. La vita la morte nemmeno. Solo connessioni strette, avvinte. Vinte. Ci crediamo vincitori ma siamo terre di conquista. Vinti. Imbrattati. Rovinati. Venti gelidi attraversano le ossa e ritornano. Venti gli anni attraversano la vita una sola volta. All in. Una grande slot machine. Musica e colori. La velina del prestigiatore. Il prestigio rapido e finto che nasconde l'incubo finto e profondo. Finto il fondo doppio e triplo. Finti noi, altri universi sotto i piedi e nella testa. Siamo solo passaggi di stato, di istanti passati, nostalgia di quel che è stato. Viviamo nel ricordo di chi rimane, ma non rimane vivo nessuno, nemmeno il ricordo. Decapitato osservo la mia testa rotolare. Capita anche questo da queste parti.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof