Cerca
  • Libereria

LISERGICO (a Verona) di Marco Zanni


L'amore non esiste. La vita la morte nemmeno. Solo connessioni strette, avvinte. Vinte. Ci crediamo vincitori ma siamo terre di conquista. Vinti. Imbrattati. Rovinati. Venti gelidi attraversano le ossa e ritornano. Venti gli anni attraversano la vita una sola volta. All in. Una grande slot machine. Musica e colori. La velina del prestigiatore. Il prestigio rapido e finto che nasconde l'incubo finto e profondo. Finto il fondo doppio e triplo. Finti noi, altri universi sotto i piedi e nella testa. Siamo solo passaggi di stato, di istanti passati, nostalgia di quel che è stato. Viviamo nel ricordo di chi rimane, ma non rimane vivo nessuno, nemmeno il ricordo. Decapitato osservo la mia testa rotolare. Capita anche questo da queste parti.


5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria