Cerca
  • Libereria

IL TAVOLO NEL VERDE (Antonio Ardizzone, Alessandro Mazzà, Valentino Picchi Hechìzo, Gianluca Sonness


Altri pianeti

che scorgono da lontano

galassie

sotterranee

già divenute evento

al di là del loro nome

Passano frammenti come ricordi lontani

che nel mentre ricordavo essere

né appartenere a nessuno

tranne che a te

tornarono forma

da perdere

Per te percorro strade inviolabili

perché su queste verdi calli

le traiettorie del possibile si manifestino

morbide vallate

che già esistevano ma solo ora scorgo

dilettato dal dialogo tra me e la mia natura felice

che finge di ripudiarmi


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I tuoi capelli che scendono a croce decidono il confine cancellabile fingendo contro altezze steccati disegnati mentre tutta in moto acceso mi avverti in basso con la curva di due scalini che invadono

Ma non guardarti è sprecare un buon tempo come non poter raggiungere il mare arrendersi alle dune se le palpebre abbandonano i sogni Ma non ascoltarti toglie ogni senso a questo viaggio con le ruote c

Dimoro tra pigne di vestiti consumati. Ostaggio del colore del vuoto e del profumo rimasto tra le fibre. Non vorrei donare a questi involucri la fragilità del mio corpo. Non vorrei fasciarmi in doni p