Cerca
  • Libereria

IL TAVOLO NEL VERDE (Antonio Ardizzone, Alessandro Mazzà, Valentino Picchi Hechìzo, Gianluca Sonness


Altri pianeti

che scorgono da lontano

galassie

sotterranee

già divenute evento

al di là del loro nome

Passano frammenti come ricordi lontani

che nel mentre ricordavo essere

né appartenere a nessuno

tranne che a te

tornarono forma

da perdere

Per te percorro strade inviolabili

perché su queste verdi calli

le traiettorie del possibile si manifestino

morbide vallate

che già esistevano ma solo ora scorgo

dilettato dal dialogo tra me e la mia natura felice

che finge di ripudiarmi


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo