Cerca
  • Libereria

A TE GIUNGA IL MIO CANTO di Doria Tacchia


Ho preso una penna e un foglio bianco per scriverti, per raccontarti quello che ho visto oggi al tramonto, ma non potevo diluire il mio sguardo in queste inutili parole, allora ti ho parlato, sottovoce per non disturbare la quiete intorno, mi senti?

È quella siepe in fondo che esclude lo sguardo dell'ultimo orizzonte, e là, oltre ci sei tu, mentre percorri le strade che io non conosco, mentre gli alberi neri del viale in ombra ti proteggono, mentre un solo piccolo spicchio di luna illumina i tuoi occhi, che tanto mi somigliano.

Vorrei cantarti ancora quella tenera dolce canzone, mentre la tua piccola mano cercava il mio viso e io il tuo caldo sorriso.

Passa il tempo e non si cura di tutto o forse di niente, ma so che ci attraversa, a volte crudele, altre ci accarezza.

Se piango ora è solo per bagnare la terra arida di quel campo di papaveri rossi dove imparammo a volare.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof