Cerca
  • Libereria

FIUME di Valentino Picchi "Hechìzo"


Seduto sulla sponda

Di una ferita

Col tuo secchio pieno

di sassi da gettare

In quel discorso

D' acqua scarlatta,

Non è gettando pietre

che edificherai la cicatrice

Ritrovandoti sempre al delta o

Su quei ponti di sutura

Fragile a

Contemplare le due rive,

Col tuo carico di sogni

Per infrangere il

Battesimo invincibile

Dell'acqua, a

Reinventare il fiume e

Il suo discorso.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st