Cerca
  • Libereria

LA SVEGLIA di Matteo Gentili


La sveglia suona, anche stamattina

il mio corpo si alza in automatico,

le volte in cui non dormo, saranno ormai una ventina...

ma il mio corpo si alza, niente attacchi di panico

ormai ho capito il ritmo che posso tenere,

senza dover per forza, andare dal medico

anche se il mio fisico inizia a dolere,

resisto in ogni sforzo, con fare ritmico...

Ma la sveglia suonerà, domani e ancora

il mio corpo si alzerà, anche se è stanco

giorno dopo giorno, getterò l'ancora,

un lupo di mare, non può stare in branco,

così mi alzerò solitario in questo giorno grigio

le nuvole spargono sprazzi di colore bianco...

io con i miei pensieri cammino e cammino

dietro di me, si profila un animo grandioso

non sarò mai ciò che voglio essere,

sarò sempre me stesso, e questo mi rende ansioso...


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof