Cerca
  • Libereria

LE TUE PAROLE (ad Alessandro Mazzà) di Marco Zanni


Nel mio giardino c'era solo erba alta. Le tue parole come punti di rottura Hanno tracciato linee di cammino. Linee come lame oltre la vendetta Un passo avanti sui rasoi delle mie colpe, Brancolare sulla densità di macerie Che nemmeno sospettavo Scelte scartate modellate Midollo vibrante compatibile al trapianto. Ci siamo messi in salvo Dalla consapevolezza dei nostri errori Trapiantato rabbia e chiodi Seminato amori ed espedienti. Forte nell'arte di arrangiarmi Ho coltivato l'armonia nell'esperienza. Le tue parole sono cresciute come canzoni all'impazzata Sbocciate distorte di impoetica responsabilità. Le tue parole trascinate da attenzioni ricambiate Hanno ricucito trame di cambiamenti inevitabili. Le tue parole danneggiate e riplasmate alla fine per me hanno fatto germoglio. È fiorito il mio giardino dei colori dell'incongruenza.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof