Cerca
  • Libereria

LE TUE PAROLE (ad Alessandro Mazzà) di Marco Zanni


Nel mio giardino c'era solo erba alta. Le tue parole come punti di rottura Hanno tracciato linee di cammino. Linee come lame oltre la vendetta Un passo avanti sui rasoi delle mie colpe, Brancolare sulla densità di macerie Che nemmeno sospettavo Scelte scartate modellate Midollo vibrante compatibile al trapianto. Ci siamo messi in salvo Dalla consapevolezza dei nostri errori Trapiantato rabbia e chiodi Seminato amori ed espedienti. Forte nell'arte di arrangiarmi Ho coltivato l'armonia nell'esperienza. Le tue parole sono cresciute come canzoni all'impazzata Sbocciate distorte di impoetica responsabilità. Le tue parole trascinate da attenzioni ricambiate Hanno ricucito trame di cambiamenti inevitabili. Le tue parole danneggiate e riplasmate alla fine per me hanno fatto germoglio. È fiorito il mio giardino dei colori dell'incongruenza.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i