Cerca
  • Libereria

RIFLESSO di Majlinda Petraj


Ho avuto paura

per troppo tempo.

E quando il troppo

diventa troppo troppo

cerco di scrostare un po',

per rivedere di che colore sono fatta.

Mi ricordo che ero multicolore.

Adesso mi rintano

per non far vedere il mio grigiore.

Per non intristire il cielo.

Per non toglierti un sorriso.

Per non diventare trasparente,

invisibile.

Attraverso stanze del tempo

cercando di non sbattere le porte,

di non far rumore.

Capita di specchiarmi

di fermarmi

di cercarmi

e di capire che mi sono persa.

Capire che è tempo

di uscire dall'immagine riflessa,

alla luce del sole.

Di lasciarmi piovere addosso

la vita

e sentire colori

nelle vene.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e