Cerca
  • Libereria

RIFLESSO di Majlinda Petraj


Ho avuto paura

per troppo tempo.

E quando il troppo

diventa troppo troppo

cerco di scrostare un po',

per rivedere di che colore sono fatta.

Mi ricordo che ero multicolore.

Adesso mi rintano

per non far vedere il mio grigiore.

Per non intristire il cielo.

Per non toglierti un sorriso.

Per non diventare trasparente,

invisibile.

Attraverso stanze del tempo

cercando di non sbattere le porte,

di non far rumore.

Capita di specchiarmi

di fermarmi

di cercarmi

e di capire che mi sono persa.

Capire che è tempo

di uscire dall'immagine riflessa,

alla luce del sole.

Di lasciarmi piovere addosso

la vita

e sentire colori

nelle vene.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass