Cerca
  • Libereria

RIFLESSO di Majlinda Petraj


Ho avuto paura

per troppo tempo.

E quando il troppo

diventa troppo troppo

cerco di scrostare un po',

per rivedere di che colore sono fatta.

Mi ricordo che ero multicolore.

Adesso mi rintano

per non far vedere il mio grigiore.

Per non intristire il cielo.

Per non toglierti un sorriso.

Per non diventare trasparente,

invisibile.

Attraverso stanze del tempo

cercando di non sbattere le porte,

di non far rumore.

Capita di specchiarmi

di fermarmi

di cercarmi

e di capire che mi sono persa.

Capire che è tempo

di uscire dall'immagine riflessa,

alla luce del sole.

Di lasciarmi piovere addosso

la vita

e sentire colori

nelle vene.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof