Cerca
  • Libereria

A MANI VUOTE di Marta Bandi


È quando ho le mani vuote

Che ne sento la pesantezza

Ho i palmi aperti, i tendini tesi

Ma nulla che io ora ti possa dare,

Eppure ne sento oltre misura la necessità.

Ora che c'è distanza tra noi

È ciò che più mi manca,

Dare tempo

Dare ascolto

Dare attenzioni

Dare amore

Avere cura di te.

È un senso di fragilità che mi investe

Come un ombra che allunga

Le sue mani intorpidite.

Chiudo gli occhi

Per cercare l'abbraccio del silenzio.

Un immagine onirica di bambina

Mi viene incontro,

Ha gli occhi malinconici

Mentre guarda il filo di un palloncino

Che le scivola via

Tra le piccole mani.

Un canto di cicale

Mi accompagna nella notte.

Aspetto il sorgere del sole

Il sentire i miei piedi saldi sulla terra

E proseguire il cammino

Nella precarietà dei miei passi.


5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria