Cerca
  • Libereria

A MANI VUOTE di Marta Bandi


È quando ho le mani vuote

Che ne sento la pesantezza

Ho i palmi aperti, i tendini tesi

Ma nulla che io ora ti possa dare,

Eppure ne sento oltre misura la necessità.

Ora che c'è distanza tra noi

È ciò che più mi manca,

Dare tempo

Dare ascolto

Dare attenzioni

Dare amore

Avere cura di te.

È un senso di fragilità che mi investe

Come un ombra che allunga

Le sue mani intorpidite.

Chiudo gli occhi

Per cercare l'abbraccio del silenzio.

Un immagine onirica di bambina

Mi viene incontro,

Ha gli occhi malinconici

Mentre guarda il filo di un palloncino

Che le scivola via

Tra le piccole mani.

Un canto di cicale

Mi accompagna nella notte.

Aspetto il sorgere del sole

Il sentire i miei piedi saldi sulla terra

E proseguire il cammino

Nella precarietà dei miei passi.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I tuoi capelli che scendono a croce decidono il confine cancellabile fingendo contro altezze steccati disegnati mentre tutta in moto acceso mi avverti in basso con la curva di due scalini che invadono

Ma non guardarti è sprecare un buon tempo come non poter raggiungere il mare arrendersi alle dune se le palpebre abbandonano i sogni Ma non ascoltarti toglie ogni senso a questo viaggio con le ruote c

Dimoro tra pigne di vestiti consumati. Ostaggio del colore del vuoto e del profumo rimasto tra le fibre. Non vorrei donare a questi involucri la fragilità del mio corpo. Non vorrei fasciarmi in doni p