Cerca
  • Libereria

LIBERO CREDO (a Gianluca Sonnessa) di Marco Zanni


Credo alla capacità di farci del male Ad ogni guerra combattuta e vissuta Ogni dissidio politico e interiore Interiora che esplodono botti da orbi Sopravvissuti mutilati. Credo al denaro come forma di scambio Il mio essere umano per un libero mercato Io mercanzia in vendita su bancarelle del superfluo. Credo a una grossa massa di babbei che non sanno più dove andare cosa fare chi mangiare giusto o sbagliato surriscaldamento globale fine del mondo. Credo nella redenzione in un percorso incomprensibile che smonta le zavorre del mio credo. Credo in una forza anch'essa superflua superiore superflùo che governa le leggi di natura uomini piante bestie senza recinti un'energia che scorre nella stessa direzione. Credo negli uomini che hanno rivoluzionato rivolto le loro sole coscienze lasciati soli abbandonati e ripescati in nome di un progetto infinito, sputtanati ma non ancora abbastanza. Credo in un mondo sottile invisibile infinito vortice armonia ed eterno. Un mondo che ancora non vedo. Un mondo che inseguo. È in Dio che credo.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo