Cerca
  • Libereria

OMBRA D'AMBRA di Doria Tacchia


Era d'ambra la mia ombra

e se ne stava appesa a un muro di mattoni rossi, provava ad ascoltare in quella notte senza luna,

il canto dei ranocchi giù nei fossi.

L'imbrunire è un dono che il giorno sul finire,

porta agli occhi di chi ancora sa e può vedere,

nel silenzio di quell'attimo, nell'incontro su quel filo

così nitido e sottile,

la dolcezza del suo canto che mai più potrò lasciare.

E muto il Tempo mi ricorda che non so se sia già l'ora

di lancette dentro al quadro. Ma è un sogno che ritorna e che sfioro quando posso, è l'abbraccio ad un passato che mi è ancora appeso addosso,

è quell'ombra d'ambra

che io cerco ancora su quel muro o giù nel fosso!


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st