top of page
Cerca
  • Libereria

SENZA TITOLO di Monica Ferrara


il mio corpo

involucro

di seppia

verdognoli vermi

voraci vanno mangiandomi

così

tagliandomi a metà

in orizzontale

vedrai il disagio uterino

che bolle,

mille e più

squame di inadeguatezza

tra il fegato e il pancreas,

sfilami le vene dai polsi

e quelle sottili sulle caviglie

nel mio sangue passa

la violacea colpa della violenza,

dal fiato perverso

mi son spuntati nei

bronzei come l'erezione

del cappio al collo che soffoca,

le piante dei miei piedini

hanno calpestato latte e gas

desiderando così forte

di non essere nate

da bruciare la loro stessa pelle

lì, lì dove nasce il cammino

gialli calli mi han protetta

dal cadere,

eppure son giù

fioca e molle

nel mio stare.

Il mio unico sbaglio

è stato nascere


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page