Cerca
  • Libereria

FERMATI di Majlinda Petraj


All'altezza del diaframma

mi hanno segato il respiro

e fu un dolore mai provato,

sconosciuto,

amaro e metallico.

Le mie silenziose urla

fatte di fibre e di vene

prive di sangue

hanno toccato il cielo

graffiando la quiete

e il blu,

quell'apparente calma ingannevole.

Mi sono sentito solo

circondato da un mondo

piccolo e meschino

schiavo di cose inanimate

per riempire scaffali di vita morta.

La polvere che mangia oggetti

non può ridarmi la vita.

Mi sento a metà.

La mia altra metà

frantumata tra le mani dure e spietate

di chi plasma l'inutilità.

Io volevo vivere.

Respirare.

Quel raggio di sole

che ogni mattina mi salutava

era un amore impossibile

ma bello.

Adesso sento che fa

una carezza sul mio cuore scoperto...

E anche se non mi vede,

io sorrido.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin