Cerca
  • Libereria

FERMATI di Majlinda Petraj


All'altezza del diaframma

mi hanno segato il respiro

e fu un dolore mai provato,

sconosciuto,

amaro e metallico.

Le mie silenziose urla

fatte di fibre e di vene

prive di sangue

hanno toccato il cielo

graffiando la quiete

e il blu,

quell'apparente calma ingannevole.

Mi sono sentito solo

circondato da un mondo

piccolo e meschino

schiavo di cose inanimate

per riempire scaffali di vita morta.

La polvere che mangia oggetti

non può ridarmi la vita.

Mi sento a metà.

La mia altra metà

frantumata tra le mani dure e spietate

di chi plasma l'inutilità.

Io volevo vivere.

Respirare.

Quel raggio di sole

che ogni mattina mi salutava

era un amore impossibile

ma bello.

Adesso sento che fa

una carezza sul mio cuore scoperto...

E anche se non mi vede,

io sorrido.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria