Cerca
  • Libereria

NVS56 di Alessandro Mazzà


Occorre non disdegnare il centro dell'attenzione.

Occorre non cercarlo.

Occorre avere il dono di non dover fare un lavoro per starci.

Occorre esserlo.

Occorre sapere che non è un luogo altrui.

Occorre sapere che è quieto e sacro e irrilevante.

Occorre sorriderne.

Occorre essere belli.

Occorre spogliarlo e sottrarlo al rumore.

Occorre volerlo cambiare.

Occorre saperlo spostare.

Occorre sapere che siamo questa storia di viaggi.

Occorre sapere che la storia muore.

Occorre gioire per la storia che muore.

Occorre preoccuparsi della storia che nasce.

Occorre impastare il proprio mattone di fango.

Occorre capire il freddo e il caldo.

Occorre bussare al vicino.

Occorre fare la domanda giusta.

Occorre perdere qualcosa.

Occorre ricordare tutto.

Occorre trovare i colori di tutto.

Occorre non raccontarli.

Occorre sapere che non esiste l'attenzione.

Occorre dire che non c'è nessuno là fuori.

Occorre prepararsi per quando tutto sarà.

Occorre sapere che questo è il gesto per cui tutto è.

Occorre farsi totalmente e finemente sguardo.

Occorre sapere che non esiste centro.

Occorre sapere che non c’è fine.

Occorre cestinare questa lista.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin