Cerca
  • Libereria

LABIRINTI di Marco Zanni


Non trarre conclusioni affrettate, I nostri piedi poggiano su un pavimento Di sabbia incandescente, fluorescente. Estranei al rimorso contiamo le pietre Impastate tra i muri che ci dividono, residui, Macerie uniformi stravolte di sussurri. Fuliggine ricopre la successione dei giorni Mentre la pressione dei nostri nomi pronunciati Allenta l'evidenza delle nostre strade in rovina. I tuoi occhi saranno un credo conquistato, I tuoi stupori un chiasso solenne, Le tue mani il tocco della terra La tua voce un cristallo smisurato. Il resto sono ombre, lamiere e cemento. Un labirinto impossibile di preghiere devastanti.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass