Cerca
  • Libereria

LABIRINTI di Marco Zanni


Non trarre conclusioni affrettate, I nostri piedi poggiano su un pavimento Di sabbia incandescente, fluorescente. Estranei al rimorso contiamo le pietre Impastate tra i muri che ci dividono, residui, Macerie uniformi stravolte di sussurri. Fuliggine ricopre la successione dei giorni Mentre la pressione dei nostri nomi pronunciati Allenta l'evidenza delle nostre strade in rovina. I tuoi occhi saranno un credo conquistato, I tuoi stupori un chiasso solenne, Le tue mani il tocco della terra La tua voce un cristallo smisurato. Il resto sono ombre, lamiere e cemento. Un labirinto impossibile di preghiere devastanti.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof