Cerca
  • Libereria

LABIRINTI di Marco Zanni


Non trarre conclusioni affrettate, I nostri piedi poggiano su un pavimento Di sabbia incandescente, fluorescente. Estranei al rimorso contiamo le pietre Impastate tra i muri che ci dividono, residui, Macerie uniformi stravolte di sussurri. Fuliggine ricopre la successione dei giorni Mentre la pressione dei nostri nomi pronunciati Allenta l'evidenza delle nostre strade in rovina. I tuoi occhi saranno un credo conquistato, I tuoi stupori un chiasso solenne, Le tue mani il tocco della terra La tua voce un cristallo smisurato. Il resto sono ombre, lamiere e cemento. Un labirinto impossibile di preghiere devastanti.


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st