Cerca
  • Libereria

SENILITÀ di Marta Bandi


Quante cose ha dimenticato mia madre. Non ricorda più gli abiti a fiori Custoditi nell'armadio, Eppure era così felice di sfoggiarli Durante le feste. Non ricorda più di mettere la crema sul viso Eppure lo faceva ogni giorno. Non ricorda di non amare le patate E di amare la cioccolata, Ora, a tavola, mangia quello Che le viene messo nel piatto. Non ricorda le stagioni E l'ora che le lancette della sveglia Segnano, sulla mensola in cucina. Figlia della terra, Non ricorda che è tempo di vendemmia. Non ricorda della morte, Ha ancora la sua famiglia attorno a sé. Non ricorda di avermi posto La stessa domanda, un attimo prima, E ancora altre dieci volte, Non fa niente, Le do la stessa risposta ogni volta. Quante cose non ricorda mia madre. Eppure non ha dimenticato Di essere madre, di essere nostra madre E di guardarci con gli stessi occhi amorevoli Di sempre.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st