Cerca
  • Libereria

SENILITÀ di Marta Bandi


Quante cose ha dimenticato mia madre. Non ricorda più gli abiti a fiori Custoditi nell'armadio, Eppure era così felice di sfoggiarli Durante le feste. Non ricorda più di mettere la crema sul viso Eppure lo faceva ogni giorno. Non ricorda di non amare le patate E di amare la cioccolata, Ora, a tavola, mangia quello Che le viene messo nel piatto. Non ricorda le stagioni E l'ora che le lancette della sveglia Segnano, sulla mensola in cucina. Figlia della terra, Non ricorda che è tempo di vendemmia. Non ricorda della morte, Ha ancora la sua famiglia attorno a sé. Non ricorda di avermi posto La stessa domanda, un attimo prima, E ancora altre dieci volte, Non fa niente, Le do la stessa risposta ogni volta. Quante cose non ricorda mia madre. Eppure non ha dimenticato Di essere madre, di essere nostra madre E di guardarci con gli stessi occhi amorevoli Di sempre.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof