Cerca
  • Libereria

TITOLI DI CODA di Luigi Costantino


Da quarantadue anni sulla scena.

Ho vissuto giorni in cui ho creduto

di non essere io a decidere le battute.

Forse mi ha guidato un regista

che sta lontano, lontano

e non sembra interessarsi troppo ai dettagli.

Anche se parecchia pellicola

è già andata avanti

e parecchie cose

sono già state scritte,

c'è ancora tanto

da vivere e recitare.

La vita può sembrare un brutto scherzo,

eppure non smetto di dipingere i giorni

con i colori della speranza.

Mi piace rivedere il film

e riscoprire una scena

che prima credevo inutile

e ora diventa importante.

Mi guardo dentro e vedo

tutto l'amore che ho saputo conquistare.

Una luce mi abbaglia, come una certezza:

l'idea che quando vedrò i titoli di coda

non sarò solo

e tutto avrà avuto un senso.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st