Cerca
  • Libereria

TITOLI DI CODA di Luigi Costantino


Da quarantadue anni sulla scena.

Ho vissuto giorni in cui ho creduto

di non essere io a decidere le battute.

Forse mi ha guidato un regista

che sta lontano, lontano

e non sembra interessarsi troppo ai dettagli.

Anche se parecchia pellicola

è già andata avanti

e parecchie cose

sono già state scritte,

c'è ancora tanto

da vivere e recitare.

La vita può sembrare un brutto scherzo,

eppure non smetto di dipingere i giorni

con i colori della speranza.

Mi piace rivedere il film

e riscoprire una scena

che prima credevo inutile

e ora diventa importante.

Mi guardo dentro e vedo

tutto l'amore che ho saputo conquistare.

Una luce mi abbaglia, come una certezza:

l'idea che quando vedrò i titoli di coda

non sarò solo

e tutto avrà avuto un senso.


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i