Cerca
  • Libereria

IL TUO NOME di Marco Zanni


Non so se sono pietra Che si stacca dalle mie domande o una bomba a notte fonda che esploda per svegliare tutti. Cammino come un uomo desideroso di buttare tutto via tra le mani forse una poesia rinvenuta tra cadaveri e illusioni disintegrate, brandelli del mio corpo. Sono sufficientemente piccolo da poter dimenticare anche il tuo nome, abbastanza famelico affamato da sbranarlo ed ingoiarlo sanguinante. Il tuo nome uccide. Colpisce nel momento più impensato.


6 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria