Cerca
  • Libereria

IL TUO NOME di Marco Zanni


Non so se sono pietra Che si stacca dalle mie domande o una bomba a notte fonda che esploda per svegliare tutti. Cammino come un uomo desideroso di buttare tutto via tra le mani forse una poesia rinvenuta tra cadaveri e illusioni disintegrate, brandelli del mio corpo. Sono sufficientemente piccolo da poter dimenticare anche il tuo nome, abbastanza famelico affamato da sbranarlo ed ingoiarlo sanguinante. Il tuo nome uccide. Colpisce nel momento più impensato.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass