Cerca
  • Libereria

IL TUO NOME di Marco Zanni


Non so se sono pietra Che si stacca dalle mie domande o una bomba a notte fonda che esploda per svegliare tutti. Cammino come un uomo desideroso di buttare tutto via tra le mani forse una poesia rinvenuta tra cadaveri e illusioni disintegrate, brandelli del mio corpo. Sono sufficientemente piccolo da poter dimenticare anche il tuo nome, abbastanza famelico affamato da sbranarlo ed ingoiarlo sanguinante. Il tuo nome uccide. Colpisce nel momento più impensato.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof