Cerca
  • Libereria

LABBRA E IDENTITÀ di Davide Vladimiro Carlo Sottili e Oceano


ho fatto l'amore

con la bella

morte,

stanotte.

non c'è modo

diverso

per dire il morbido

evento.

è l'alba

e il sole mi stempera

il tocco di gelo

al tatto di lei.

così liscia..

così elastica..

donna perfetta

eppur non donna: morte.

mi chiese

se le volessi bene

o se il timore suo

mi ciecasse.

mi chiese

a cosa pensassi,

distratto

nel silenzio.

avevo il nodo politico

se la democrazia

sia davvero

il sistema giusto.

teme l'ignoranza,

volevo dirle,

la disinformazione

la debilita.

che senso

avrebbe avuto

turbare

il giudice eterno?

le dissi

solo

stringendola un po'

che temo di perderla.

sorrise in silenzio

e fece

che presto

staremo insieme per sempre.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i