Cerca
  • Libereria

LABBRA E IDENTITÀ di Davide Vladimiro Carlo Sottili e Oceano


ho fatto l'amore

con la bella

morte,

stanotte.

non c'è modo

diverso

per dire il morbido

evento.

è l'alba

e il sole mi stempera

il tocco di gelo

al tatto di lei.

così liscia..

così elastica..

donna perfetta

eppur non donna: morte.

mi chiese

se le volessi bene

o se il timore suo

mi ciecasse.

mi chiese

a cosa pensassi,

distratto

nel silenzio.

avevo il nodo politico

se la democrazia

sia davvero

il sistema giusto.

teme l'ignoranza,

volevo dirle,

la disinformazione

la debilita.

che senso

avrebbe avuto

turbare

il giudice eterno?

le dissi

solo

stringendola un po'

che temo di perderla.

sorrise in silenzio

e fece

che presto

staremo insieme per sempre.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin