Cerca
  • Libereria

LETTURA di Majlinda Petraj


La gente

ti passa distrattamente accanto.

Se non trovi quelle mani

capaci di sentire i tuoi anni

l'eco di millenni viventi in te

la storia scritta nelle striature

viva e pulsante nelle pieghe

nascosta dietro lo scorrere del sangue

rimarrai invisibile come il vento

nel suo continuo viaggio

per trovare qualcuno che lo fermi.

Rimarrai a vagare eternamente

sospirando e sputando l'amarezza

di giorni persi e sogni accartocciati

buttati nel cestino.

Trovare mani

capaci di scriverTi addosso

e leggerTi negli spazi vuoti

dove echeggia soltanto un urlo.

Tutto prenderà la forma

dei tuoi sogni

al risveglio.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin