Cerca
  • Libereria

LETTURA di Majlinda Petraj


La gente

ti passa distrattamente accanto.

Se non trovi quelle mani

capaci di sentire i tuoi anni

l'eco di millenni viventi in te

la storia scritta nelle striature

viva e pulsante nelle pieghe

nascosta dietro lo scorrere del sangue

rimarrai invisibile come il vento

nel suo continuo viaggio

per trovare qualcuno che lo fermi.

Rimarrai a vagare eternamente

sospirando e sputando l'amarezza

di giorni persi e sogni accartocciati

buttati nel cestino.

Trovare mani

capaci di scriverTi addosso

e leggerTi negli spazi vuoti

dove echeggia soltanto un urlo.

Tutto prenderà la forma

dei tuoi sogni

al risveglio.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st