Cerca
  • Libereria

LETTURA di Majlinda Petraj


La gente

ti passa distrattamente accanto.

Se non trovi quelle mani

capaci di sentire i tuoi anni

l'eco di millenni viventi in te

la storia scritta nelle striature

viva e pulsante nelle pieghe

nascosta dietro lo scorrere del sangue

rimarrai invisibile come il vento

nel suo continuo viaggio

per trovare qualcuno che lo fermi.

Rimarrai a vagare eternamente

sospirando e sputando l'amarezza

di giorni persi e sogni accartocciati

buttati nel cestino.

Trovare mani

capaci di scriverTi addosso

e leggerTi negli spazi vuoti

dove echeggia soltanto un urlo.

Tutto prenderà la forma

dei tuoi sogni

al risveglio.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria