Cerca
  • Libereria

NVS74 di Alessandro Mazzà


Il poeta passa per il giorno bianco

dimentico di tutte le parole dette

Nello spazio vuoto consumabile

sa d’improvviso cosa cercava e manca

Nella stessa scena allo specchio

una nascosta divina indifferenza sembra sapere

che domani ricomincia il domani

Esiste lontanissima la luminosa fine

per la voce e per l’indovinare

ma rimane quasi sempre fuori

Traghettiamo ora occhi ritrosi su un’altra pagina


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st