Cerca
  • Libereria

NVS74 di Alessandro Mazzà


Il poeta passa per il giorno bianco

dimentico di tutte le parole dette

Nello spazio vuoto consumabile

sa d’improvviso cosa cercava e manca

Nella stessa scena allo specchio

una nascosta divina indifferenza sembra sapere

che domani ricomincia il domani

Esiste lontanissima la luminosa fine

per la voce e per l’indovinare

ma rimane quasi sempre fuori

Traghettiamo ora occhi ritrosi su un’altra pagina


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo