Cerca
  • Libereria

274 di Alessandro Mazzà

Nato in un vecchio sperduto fermento jazz

vecchio ora tu

per penuria di pulizia di accordi

o verdi nostalgie combinatorie


sposi per la seconda volta il caos


non ti piace e non piace poi a chi ascolta

eppure grazie a questo all’improvviso

sa che ti riconosce

ti approva quasi per dovere e quasi

sorbisce tutto


il resto sta a noi com’è sempre stato


la nostra cifra è molto più che stile

è non riempire


non per lasciare ad altri

ma per non bere troppo dalla tazza

dove il riparo è un tempo musicale

e quella crepa siamo stati noi

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof