Cerca
  • Libereria

274 di Alessandro Mazzà

Nato in un vecchio sperduto fermento jazz

vecchio ora tu

per penuria di pulizia di accordi

o verdi nostalgie combinatorie


sposi per la seconda volta il caos


non ti piace e non piace poi a chi ascolta

eppure grazie a questo all’improvviso

sa che ti riconosce

ti approva quasi per dovere e quasi

sorbisce tutto


il resto sta a noi com’è sempre stato


la nostra cifra è molto più che stile

è non riempire


non per lasciare ad altri

ma per non bere troppo dalla tazza

dove il riparo è un tempo musicale

e quella crepa siamo stati noi

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st