top of page
Cerca
  • Libereria

276 di Alessandro Mazzà

Costruiamo

mappe mentali

del mondo


ci aiutano

perdite

di vista


una di queste rivolte

è invito


prendi la parola perturbante


lo sai come si prende davvero

una parola


trasformandola in una

cosa che suona bene


di quella musica si nutre

la striscia di interregno

tra qualcosa e il sogno


in quei momenti si parla

sotto la voce

sconfinando


dicendo

a orecchi sottili

che si sconfina


così fa

la lingua non aerodinamica


la tua lingua mappa

senza luogo da mostrare


così ci siamo spiegati

una strada


che possiamo cancellare

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page