Cerca
  • Libereria

40 VOLTE UN GIORNO di Doria Tacchia

Dal piccolo terrazzino, dove mi siedo ora, per pensare di non pensare, vedo dei piccoli quadratini luminosi, credo siano finestre, mi piace credere che dietro ci sia una parvenza di umiltà del vivere.

Non riconosco, e sono grata alla stanchezza, quello che fino a ieri credevo, non ci faccio più caso... Orologi, tempo, ticchettio, solo immaginazione.

Ringrazio il Nulla, che si fa grande e silenzioso, e porgo la mia guancia, per un piccolo bacio a fior di labbra.

Sento il rumore del treno che corre su un binario sconosciuto, e questo peso sulle spalle, dev'essere la mia Vita che porto ovunque, finché potrò vedere ancora l'alba di una magica luna, nascosta tra i riflessi di un mare d'argento.

Ho attraversato molte esistenze, che ora di me son parte, non m'importa la direzione, m'importa solo che a questo cielo appartenga.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin