Cerca
  • Libereria

A MIO PADRE di Rossana Pagano

Quello che ho sempre cercato

è solo quel verde riflesso,

adesso lo so.

Cerco i tuoi occhi,

quella luce che avevi,

quel lampo di orgoglio

che avevi quando mi guardavi:

vaso prezioso, raro arabesco.

Il futuro: una scheggia

nelle mie mani,

la vita: una sicura

aspettativa.

Mai più nessuno

mi ha così vista,

ed ora brancolo

cercando l’impossibile,

quelle pupille carezzevoli e

quello sguardo fiero,

l’amore più accogliente,

l’osmosi di un affetto,

complicità tenace

malgrado i toni alti,

riferimento certo,

confronti mai banali.

Ma

da quando ti ho lasciato andare

sono più serena

sei ancora nei miei pensieri,

direzione delle mie decisioni,

confronto dei miei dubbi,

amore e tenerezza

conforto e ribellione.

Semplicemente

ho detto al dolore

che era giunto il momento

di andar via

Perché volevo ancora gioire

perchè volevo ancora godere

e il dolore egoista

non me lo permetteva.

213 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof