Cerca
  • Libereria

A MIO PADRE di Rossana Pagano

Quello che ho sempre cercato

è solo quel verde riflesso,

adesso lo so.

Cerco i tuoi occhi,

quella luce che avevi,

quel lampo di orgoglio

che avevi quando mi guardavi:

vaso prezioso, raro arabesco.

Il futuro: una scheggia

nelle mie mani,

la vita: una sicura

aspettativa.

Mai più nessuno

mi ha così vista,

ed ora brancolo

cercando l’impossibile,

quelle pupille carezzevoli e

quello sguardo fiero,

l’amore più accogliente,

l’osmosi di un affetto,

complicità tenace

malgrado i toni alti,

riferimento certo,

confronti mai banali.

Ma

da quando ti ho lasciato andare

sono più serena

sei ancora nei miei pensieri,

direzione delle mie decisioni,

confronto dei miei dubbi,

amore e tenerezza

conforto e ribellione.

Semplicemente

ho detto al dolore

che era giunto il momento

di andar via

Perché volevo ancora gioire

perchè volevo ancora godere

e il dolore egoista

non me lo permetteva.

208 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass