top of page
Cerca
  • Libereria

A MIO PADRE di Stefano Polo

Nonostante le ferite nel mio animo

solchi profondi e respiri di dolore

papà io ti ricordo con amore

non ti posso odiare padre mio posso solo amarti… Vivi dentro di me eri malato e mal curato il mio cuore si è aperto come uno scrigno e ti ha perdonato… Eri mio padre il tuo ricordo mi accompagna agli albori della vita la tua esistenza dentro di me non è finita sussurri e grida accompagnavano le nostre giornate ma dentro di me padre mio le ho già dimenticate…

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page