Cerca
  • Libereria

ACQUA CHE CADE SUL PASSATO di Luigi Costantino

Non lo so cosa può fare una poesia,

non so se può asciugare lacrime o lenire dolori

o prendere per mano splendide creature abbandonate.

Non so cosa posso fare, ma so di avere un cuore

e posso usarlo per un fine più grande.

So che non riesco a rimanere indifferente

di fronte alla tristezza di una donna che mi manifesta affetto.

Non riesco a ignorare l’acqua che cade

su un viso bellissimo, sul passato di un’anima forte

che la vita ha reso fragile.

Non so nulla di tante cose ma so di avere un potere,

conosco bene i miracoli che si compiono

con una sola delicatissima frase detta al momento giusto.

Dico a te che stai soffrendo:

tieni duro, i fiori che riempiono le tue strade interiori

non sono uno spettacolo per chiunque.

Non farti ingannare:

nessuno può mettere in dubbio la meraviglia che sei.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof