Cerca
  • Libereria

AGOSTO di Majlinda Petraj

Ripiego accuratamente

ricordi di cristallo,

il mio sguardo protegge la fragilità

della loro trasparenza.

Non lascio che si mischíno

a dimenticanza.

Alcuni profumano

di mattino presto

colazioni frettolose

corsa verso il sogno,

la luce tra le pieghe del lenzuolo blu.

Fragranza floreale tra i corpi

che riportano la primavera.

Agosto,

tra i respiri che allargano il petto

di voglie e desideri,

ricordo piegato in quattro

rimesso nei miei ieri.

Un giorno lontano, futuro,

nascosto dietro tende di lino

speziato di essenza di vaniglia

come in un film muto

lo scenario

mi riempirà gli occhi di te.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st