Cerca
  • Libereria

AL CARME di Noemi Agostino

Se potessi dire

cosa sei per me

carme

lo urlerei

esanime,

con voce leggera.

Con sorriso ammaliato sulle labbra

osserverei quella colomba bianca

librarsi e sorvolare,

i cieli calorosi e benevoli.

Tu schiudi

le tue ali al vento

e voli alto

io alzo il capo

e guardo

e volo anch’io

dal mio canto,

dentro me.

E canta per me,

la tua voce

eterea e candida.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof