Cerca
  • Libereria

AL CARME di Noemi Agostino

Se potessi dire

cosa sei per me

carme

lo urlerei

esanime,

con voce leggera.

Con sorriso ammaliato sulle labbra

osserverei quella colomba bianca

librarsi e sorvolare,

i cieli calorosi e benevoli.

Tu schiudi

le tue ali al vento

e voli alto

io alzo il capo

e guardo

e volo anch’io

dal mio canto,

dentro me.

E canta per me,

la tua voce

eterea e candida.

33 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr