Cerca
  • Libereria

ALFABETO RIVOLUZIONARIO di Alessandro Mazzà

A è anestetizzato non si accorge di niente e non si accorge nemmeno che c’è qualcosa di cui accorgersi

B ha sentito dire che c’è qualcosa di cui accorgersi ma non vede niente

C vedrebbe anche ma ha deciso che si vive meglio senza guardare

D ha deciso di guardare ma preferisce far finta di niente per non dover pensare e poi vivere peggio

E ha visto e pensa di aver pensato ma non ha capito

F ha visto e ha pensato e ha capito ma gli va bene così e trova giusto così stop si fa così

G ha capito e non gli va bene ma gli conviene quindi shhh

H ha capito e non gli va bene e capisce che non gli può convenire davvero ma che fare eh niente pazienza

I ha capito e finalmente oooh uno che s’indigna ma non sa cosa fare o pensa che non può farci niente

L ha capito e s’indigna e pensa che saprebbe anche fare qualcosa ma tutto sommato ufff dai sceglie di no

M ha capito e s’indigna e frigna

N ha capito e s’indigna e protesta e urla ma lo fa comodamente da casa

O ha capito e s’indigna e protesta e urla in pubblico ma poi niente stop torna a casa

P ha capito e s’indigna e reclama i suoi diritti come se qualcuno dovesse riconoscerglieli

Q ha capito e cerca di partorire un’idea nuova e poi si ferma lì beh dai non è poco

R ha capito e capisce anche che bisogna magari anche provare a mettere in atto l’idea nuova

S ha capito e prova a fare veramente qualcosa ma non trova compagni è solo e non si può partire

T ha capito e prova a fare veramente qualcosa ma non trova compagni parte lo stesso ma è solo e fallisce

U ha capito e trova compagni e fa veramente qualcosa ma in maniera poco studiata e organizzata e fallisce

V ha capito ha pensato trova compagni si organizza fa la rivoluzione che però fallisce per maggior numero degli avversari

Z orro, ci vuole, Zorro, dai, buonanotte

9 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st