Cerca
  • Libereria

ALFABETO RIVOLUZIONARIO di Alessandro Mazzà

A è anestetizzato non si accorge di niente e non si accorge nemmeno che c’è qualcosa di cui accorgersi

B ha sentito dire che c’è qualcosa di cui accorgersi ma non vede niente

C vedrebbe anche ma ha deciso che si vive meglio senza guardare

D ha deciso di guardare ma preferisce far finta di niente per non dover pensare e poi vivere peggio

E ha visto e pensa di aver pensato ma non ha capito

F ha visto e ha pensato e ha capito ma gli va bene così e trova giusto così stop si fa così

G ha capito e non gli va bene ma gli conviene quindi shhh

H ha capito e non gli va bene e capisce che non gli può convenire davvero ma che fare eh niente pazienza

I ha capito e finalmente oooh uno che s’indigna ma non sa cosa fare o pensa che non può farci niente

L ha capito e s’indigna e pensa che saprebbe anche fare qualcosa ma tutto sommato ufff dai sceglie di no

M ha capito e s’indigna e frigna

N ha capito e s’indigna e protesta e urla ma lo fa comodamente da casa

O ha capito e s’indigna e protesta e urla in pubblico ma poi niente stop torna a casa

P ha capito e s’indigna e reclama i suoi diritti come se qualcuno dovesse riconoscerglieli

Q ha capito e cerca di partorire un’idea nuova e poi si ferma lì beh dai non è poco

R ha capito e capisce anche che bisogna magari anche provare a mettere in atto l’idea nuova

S ha capito e prova a fare veramente qualcosa ma non trova compagni è solo e non si può partire

T ha capito e prova a fare veramente qualcosa ma non trova compagni parte lo stesso ma è solo e fallisce

U ha capito e trova compagni e fa veramente qualcosa ma in maniera poco studiata e organizzata e fallisce

V ha capito ha pensato trova compagni si organizza fa la rivoluzione che però fallisce per maggior numero degli avversari

Z orro, ci vuole, Zorro, dai, buonanotte

7 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria