Cerca
  • Libereria

ANTICHI SUPPLIZI OGGI di Marco Domenico Grastolla

Scrivi, cancella,

imbratta, strappa.


Cosa vuoi dire

che non vuol venir fuori?

Hai davvero dentro al vaso

versi di quelli migliori?


Ribolle e si contorce

nello stomaco la tua musa,

vomita in te solo intrugli

caotici e qualche rima sfusa.


Quasi ciclope nella poesia,

senza una dimensione né prospettiva.

Ovunque cerchi una sirena che

ti suggerisca il canto,

che ti faccia il verso.


Tre teste ha questo mostro

che fa a brandelli

ogni tua ispirazione.

Tre Moire decisero della tua

vita la direzione.


E quindi che resta da fare?

Abbracciare un destino

che ti vuole di sasso?


Pietrificato da un arido sguardo

ora componi i tuoi ultimi versi;

un ultimo volo con ali di cera

verso la bruciante poesia,

e poi pesante dell'inferno

cader nei recessi.


Nel tartaro porterai questa

lirica come simbolo

di quel che fosti;

che tutti sappiano che

tra le ombre ve n'è una

fatta d'amore e di inchiostri.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st