Cerca
  • Libereria

ARMA DI RAPPRESAGLIA 1 di Marco Domenico Grastolla

Quasi strisciando ti manifesti ai nostri sensi, subdolo, infido come un male incurabile. La presa di coscienza, l'ammissione della tua presenza, gela gli intestini. Ci fa stringere stretti fino al dolore, in un abbraccio muto. Gli occhi sgranati, il mento puntato al soffitto, le bocche socchiuse e le orecchie sintonizzate sul tuo ronzio. Una muta preghiera, un unico mantra martella nelle quattro teste di una famiglia: "Cadi adesso... Cadi adesso... Cadi adesso..." Ma il tuo mortale ronzio, che par quasi giungere dal ventre del diavolo, questa volta continua e si fa forte: sempre più minaccioso, sempre più reale. D'un tratto tutto orribilmente tace... I nostri cuori in gola hanno smesso di battere, come un pugno di pietra bloccato nella faringe. I petti gonfi, l'aria che non passa dalle narici... Chiudo gli occhi, quasi stritolo la mano di mia figlia e comincio a contare ancora una volta: "1...2...3...4"

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i