Cerca
  • Libereria

ARMATURA di Majlinda Petraj

Sei stanco

in questo corpo armato di pazienza

tessuto antiTutto

pieno di sogni.

Vedo qualche angolo che sporge,

lo riconosco dallo splendore

che sfida la materia grigia.

Un piccolo lembo di ribellione.

Metti le mani in tasca

per proteggere l'audacia

dei tuoi sentimenti.

Sei stanco,

ma quanto Sole, t'investe,

e ne rimane sottopelle

come un tatuaggio

di promemoria alla felicità.

Chi si ferma a guardarti

non può ignorare i crateri

pieni di furiosa lava

che ribolle e sputa fuori

le tue passioni. 

Per la vita. 

Per il bello. 

Non permetti la scelta 

di essere ignorato. 

Flusso di sangue Inarrestabile 

incatenato nella statura di un uomo. 

Ti trovi? 

Resta. 

58 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof