Cerca
  • Libereria

ASFALTO BAGNATO di Matteo Gentili

Sull'asfalto cadono parole, lacrime pesanti trascinate da una bocca, che non sa

parlare.

Sull'asfalto, piove, inchiostro come sui fogli, portato da una persona più strana, figlia

di quel tempo passato, che non tornerà.

Su questo foglio cado io, schiavo di una virtù definita potente, ma che in realtà entra

in conflitto con ciò che sono, lasciando presagire inutili traguardi non raggiunti.

Sfiorati forse, ma mai realmente ottenuti.

In quel giorno in cui io davvero potrò dire di essere me stesso, le parole usciranno

da sole, le pagine si riempiranno di parole nuove, la vita scorrerà davvero più

limpida.

Fino a quel giorno sono e rimango ciò che devo essere, inchiostro su carta, parola

non detta, asfalto bagnato.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i