Cerca
  • Libereria

BATTAGLIA di Noemi Agostino

Non ho il sangue con cui sono nata ho il sangue che io stessa ho scelto che mi sono iniettata. Mi sono riplasmata a immagine mia in battaglia e la fanghiglia che di dosso mi colava l’ho fatta mia perché era mia! Nella ferita è entrata il sangue lo ha mutato mi ha cambiata. Non ho scelto guerra o disgrazia ma questo sangue sì è mio tra i denti lo stringo e mentre io stessa mi dolgo ferita a cagione del loro morso sorrido: il dente è rosso. Ora li vedono questi litri di cuore versati donati mai filtrati, arricchiti. E questo agglomerato di nervi tesi al prossimo agguato è vigile. Lo sguardo bianco, il corpo nero è stanco. Sono sulla roccia riposo lavoro forgio l’elsa e non ho fodero. Attendo. Col sapore di terra già stantia il vento che arriva lo porta via e mi sussurra, io taccio, lui ulula: ​la nuova battaglia

contro si scaglia.

Mostro la spada.

Difesa.

Non attacco.

Il mio sangue parla

urla

verso di loro:

PACE.

70 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st