Cerca
  • Libereria

BATTAGLIA di Noemi Agostino

Non ho il sangue con cui sono nata ho il sangue che io stessa ho scelto che mi sono iniettata. Mi sono riplasmata a immagine mia in battaglia e la fanghiglia che di dosso mi colava l’ho fatta mia perché era mia! Nella ferita è entrata il sangue lo ha mutato mi ha cambiata. Non ho scelto guerra o disgrazia ma questo sangue sì è mio tra i denti lo stringo e mentre io stessa mi dolgo ferita a cagione del loro morso sorrido: il dente è rosso. Ora li vedono questi litri di cuore versati donati mai filtrati, arricchiti. E questo agglomerato di nervi tesi al prossimo agguato è vigile. Lo sguardo bianco, il corpo nero è stanco. Sono sulla roccia riposo lavoro forgio l’elsa e non ho fodero. Attendo. Col sapore di terra già stantia il vento che arriva lo porta via e mi sussurra, io taccio, lui ulula: ​la nuova battaglia

contro si scaglia.

Mostro la spada.

Difesa.

Non attacco.

Il mio sangue parla

urla

verso di loro:

PACE.

64 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e