Cerca
  • Libereria

BONIFICA XVIII di Valentino Picchi Hechìzo

Il mio corpo

non è piazza

popolata di voyeurs

da Vecchio Testamento

ma selvatico sentiero

disseminato

di forma e conoscenza,

fonte di carnalità

e racconto cui attingere

l'antidoto incoerente

al teatro materiale:

la vita mina

d'esperienza e senso

le architetture ipocondriache

delle morti in vendita,

il tuo corpo

è teatro generoso

e scena inesauribile

che devi imparare

a nutrire

di lotta e bellezza.

34 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st