Cerca
  • Libereria

BONIFICA XVIII di Valentino Picchi Hechìzo

Il mio corpo

non è piazza

popolata di voyeurs

da Vecchio Testamento

ma selvatico sentiero

disseminato

di forma e conoscenza,

fonte di carnalità

e racconto cui attingere

l'antidoto incoerente

al teatro materiale:

la vita mina

d'esperienza e senso

le architetture ipocondriache

delle morti in vendita,

il tuo corpo

è teatro generoso

e scena inesauribile

che devi imparare

a nutrire

di lotta e bellezza.

28 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin