Cerca
  • Libereria

BUIO di Fior Di Spina

Prendi un respiro, profondo, e buttati. O meglio lasciati cadere.

Permettiti di precipitare.

Non sono assenza di luce, sono materia densa e viva. Non mancanza, ma pienezza.

Quando ti concederai di entrare in me, riempirò tutto.

I tuoi occhi, non più abbagliati dai colori, potranno finalmente vedere e riconoscere il vero. Cadranno le sovrastrutture, le apparenze. Tutto sarà limpido oltremisura.

Le orecchie avranno riposo dalla cacofonia delle parole inutili, delle menzogne, delle lusinghe e nel silenzio assoluto udrai il battito del tuo cuore. Sarà stupore riconoscerti vivo.

Avvolto da me, avrai la percezione tattile di ogni atomo, non saprai distinguere se sono io o tu, sarò oltre e sarò tuo. Una pelle nuova fatta di velluto che conoscerà contemporaneamente il possedere e l'essere posseduto.

Avrai movimento senza peso, ti sembrerà di camminare, correre, volare eppure stare immobile. Galleggiare. Come in una placenta, amnios che rigenera.

Non ci sarà più tempo e fretta, solo l'istante da godere, pieno di presente.

Potrai perfino assaggiare il mio sapore. Saprai che l'avevi dimenticato e sbalordito tornerai a comprenderlo come se non ti fossi mai allontanato da me.

Scenderò lentamente nei polmoni, ad ogni respiro, e da lì al sangue che mi porterà a raggiungere ogni cellula.

Non temere.

Non temermi.

Sciocche sono le superstizioni che ti hanno instillato, facendoti credere che io sia freddo e solitudine.

Proverai la sensazione di essere uno con tutto, non più piccola parte, ma vastità senza confini.

Risorgerai, creatura nuova e consapevole che la realtà quotidiana non è che dettaglio di finitudine davanti alla mia, e alla tua, se vorrai, immensità.

Vieni.

Lasciati cadere.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr