top of page
Cerca
  • Libereria

CARPE DIEM di Majlinda Petraj

M'appoggio

alla pelle ruvida e spessa dell'albero,

rimuginando pensieri;

Sotto il fogliame,

cerco ordine nel mio

bellissimo caos,

mi confonde piacevolmente

la mia tempesta

con onde altissime e ribelli.


[Chiudo parentesi.]

E dico,

che avreste dovuto vederlo

quell'uomo curvato

in cerca di catturare l'attimo.

Non esiste cosa più bella,

straordinaria nella sua semplice pretesa,

di fermarsi per fotografare

"un pensiero".


Sì, perché,

Il pensiero,

che può piacere a lei

e sostare sotto la luce dei suoi occhi,

con il cuore grato per l'attenzione ricevuta,

è questo che ti blocca i passi

e ti paralizza lo sguardo

sopra piccole meraviglie,

grandi orizzonti

e finestre eterne sulla bellezza.


Tutto qui.

È un messaggio.

D'amore.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page