Cerca
  • Libereria

CHI SEI TU CHE... di Roberto Inzitari

Chi sei tu che celi a me le mie parole?

Alle tue, le mie non san rispondere.

Le parole, no.

Giusta ognuna, tutte errate,

vagano smarrite.

Galleggiano, transitano

tra i pensieri ed il soffitto della stanza,

imprendibili cirri

pur tante volte catturati per farne dono

autentico

alla

sorgente

che s'interrò.

E non me ne pentii.

Appresi, solo, a torto, a diffidarne:

delle mie.

Di tutto il sapere accumulato dal vivere

sul tema più niente conosco,

dubito del sentire, ora,

in questo fermo immagine del tempo

effimere, inutili nozioni:

buon segno.

Tendo i sensi ad ascoltar la vita

e attendo

laggiù

in quel campo

di persiana mistica memoria

chi sia tu, che celi a me le mie parole.

97 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin