Cerca
  • Libereria

CHISSÀ di Maria Teresa De Carolis

Chissà se quell’asfalto in corsa

Ti scaldava la fronte

Il tuo sorriso vivo

La voglia di volare

Le ruote che sfrecciavano

Sulla sottile riga

Di un giorno qualunque

Era solo un giorno qualunque

Eppure

Ti saliva il fremito del vento

Della saliva fredda

Delle risate

Delle albe vissute in movimento

Dei panini e

Dei ricordi della guerra

Di quel bambino che rubava patate

Ai convogli nazisti

Che portava un fiore

A sua madre, troppo impegnata

Troppo sola

Troppo

La guerra ce l’hai ancora

Nel cuore, anche se cenere

Sentiamo un po’ di musica

Ti va?

Portami ancora con te

Andiamo in bici papà

Su quella salita

All’alba di un altro giorno

Un altro giorno qualunque

Ti va?

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i