Cerca
  • Libereria

CHISSÀ di Maria Teresa De Carolis

Chissà se quell’asfalto in corsa

Ti scaldava la fronte

Il tuo sorriso vivo

La voglia di volare

Le ruote che sfrecciavano

Sulla sottile riga

Di un giorno qualunque

Era solo un giorno qualunque

Eppure

Ti saliva il fremito del vento

Della saliva fredda

Delle risate

Delle albe vissute in movimento

Dei panini e

Dei ricordi della guerra

Di quel bambino che rubava patate

Ai convogli nazisti

Che portava un fiore

A sua madre, troppo impegnata

Troppo sola

Troppo

La guerra ce l’hai ancora

Nel cuore, anche se cenere

Sentiamo un po’ di musica

Ti va?

Portami ancora con te

Andiamo in bici papà

Su quella salita

All’alba di un altro giorno

Un altro giorno qualunque

Ti va?

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st