Cerca
  • Libereria

CIÒ CHE SONO di Lorena Giardino

Rimasto dentro,

ormai

da un giorno che più non ricordo

quel tiepido senso

di incompletezza.

Come se la me bambina

si fosse un tempo aggrappata

al bordo del mio divenire:

i piedini penzolanti,

le scarpette lucide lucide

le manine pallide strette sulla balaustra.

Ed i polsi... quelli, tremano.

Resto un ingranaggio inceppato,

Nel meccanismo che regola

Gli equilibri del mondo...

Un filo tirato

tra le trame

di una coperta patchwork.

Alla fine sono questo,

e lo so.

Forse una macchia di inchiostro

su un foglio bianco,

un granello di polvere

o ancora, una piuma che fluttua

leggera nel vento.

E questo alla fine

è ciò che continuo a ripetere

a tutte le me...

tutte quelle che conosco,

ovviamente.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i