Cerca
  • Libereria

CIÒ CHE SONO di Lorena Giardino

Rimasto dentro,

ormai

da un giorno che più non ricordo

quel tiepido senso

di incompletezza.

Come se la me bambina

si fosse un tempo aggrappata

al bordo del mio divenire:

i piedini penzolanti,

le scarpette lucide lucide

le manine pallide strette sulla balaustra.

Ed i polsi... quelli, tremano.

Resto un ingranaggio inceppato,

Nel meccanismo che regola

Gli equilibri del mondo...

Un filo tirato

tra le trame

di una coperta patchwork.

Alla fine sono questo,

e lo so.

Forse una macchia di inchiostro

su un foglio bianco,

un granello di polvere

o ancora, una piuma che fluttua

leggera nel vento.

E questo alla fine

è ciò che continuo a ripetere

a tutte le me...

tutte quelle che conosco,

ovviamente.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass