Cerca
  • Libereria

CIÒ CHE SONO di Lorena Giardino

Rimasto dentro,

ormai

da un giorno che più non ricordo

quel tiepido senso

di incompletezza.

Come se la me bambina

si fosse un tempo aggrappata

al bordo del mio divenire:

i piedini penzolanti,

le scarpette lucide lucide

le manine pallide strette sulla balaustra.

Ed i polsi... quelli, tremano.

Resto un ingranaggio inceppato,

Nel meccanismo che regola

Gli equilibri del mondo...

Un filo tirato

tra le trame

di una coperta patchwork.

Alla fine sono questo,

e lo so.

Forse una macchia di inchiostro

su un foglio bianco,

un granello di polvere

o ancora, una piuma che fluttua

leggera nel vento.

E questo alla fine

è ciò che continuo a ripetere

a tutte le me...

tutte quelle che conosco,

ovviamente.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr