Cerca
  • Libereria

COLLAGE di Marco Domenico Grastolla

Fare i conti col passato

alla presenza di quella donna,

quella donna che hai amato

fino all'ultimo spicchio della tua vita.


Ha pensato bene di rivolgersi a te;

quando il suo cuore era caduto

ha volto il capo nella tua direzione,

e lì sei in piedi ad ascoltarla

su quella lunga scalinata.


"Non c'è bisogno di essere madre",

così le dicesti quando tutto finì.


Ma ora con l'assurdo potere dei suoi occhi

ti buca le viscere su quei gradini.


Quale spirito si cela

dentro le profondità

di quel marmo?


Sembra nascere e morire tutto lì,

ogni volta, in un eterno ritorno

terribilmente agrodolce.


Ma ora, coi suoi piccoli piedi

due gradini più su,

ti bacia violentemente mentre

qualcosa ti si incrina dentro...


...e questa volta ricomporre

il tuo cuore sarà impossibile.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st