Cerca
  • Libereria

COLLAGE di Marco Domenico Grastolla

Fare i conti col passato

alla presenza di quella donna,

quella donna che hai amato

fino all'ultimo spicchio della tua vita.


Ha pensato bene di rivolgersi a te;

quando il suo cuore era caduto

ha volto il capo nella tua direzione,

e lì sei in piedi ad ascoltarla

su quella lunga scalinata.


"Non c'è bisogno di essere madre",

così le dicesti quando tutto finì.


Ma ora con l'assurdo potere dei suoi occhi

ti buca le viscere su quei gradini.


Quale spirito si cela

dentro le profondità

di quel marmo?


Sembra nascere e morire tutto lì,

ogni volta, in un eterno ritorno

terribilmente agrodolce.


Ma ora, coi suoi piccoli piedi

due gradini più su,

ti bacia violentemente mentre

qualcosa ti si incrina dentro...


...e questa volta ricomporre

il tuo cuore sarà impossibile.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i