Cerca
  • Libereria

COLLAGE di Marco Domenico Grastolla

Fare i conti col passato

alla presenza di quella donna,

quella donna che hai amato

fino all'ultimo spicchio della tua vita.


Ha pensato bene di rivolgersi a te;

quando il suo cuore era caduto

ha volto il capo nella tua direzione,

e lì sei in piedi ad ascoltarla

su quella lunga scalinata.


"Non c'è bisogno di essere madre",

così le dicesti quando tutto finì.


Ma ora con l'assurdo potere dei suoi occhi

ti buca le viscere su quei gradini.


Quale spirito si cela

dentro le profondità

di quel marmo?


Sembra nascere e morire tutto lì,

ogni volta, in un eterno ritorno

terribilmente agrodolce.


Ma ora, coi suoi piccoli piedi

due gradini più su,

ti bacia violentemente mentre

qualcosa ti si incrina dentro...


...e questa volta ricomporre

il tuo cuore sarà impossibile.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin