Cerca
  • Libereria

COLLAGE di Marco Domenico Grastolla

Fare i conti col passato

alla presenza di quella donna,

quella donna che hai amato

fino all'ultimo spicchio della tua vita.


Ha pensato bene di rivolgersi a te;

quando il suo cuore era caduto

ha volto il capo nella tua direzione,

e lì sei in piedi ad ascoltarla

su quella lunga scalinata.


"Non c'è bisogno di essere madre",

così le dicesti quando tutto finì.


Ma ora con l'assurdo potere dei suoi occhi

ti buca le viscere su quei gradini.


Quale spirito si cela

dentro le profondità

di quel marmo?


Sembra nascere e morire tutto lì,

ogni volta, in un eterno ritorno

terribilmente agrodolce.


Ma ora, coi suoi piccoli piedi

due gradini più su,

ti bacia violentemente mentre

qualcosa ti si incrina dentro...


...e questa volta ricomporre

il tuo cuore sarà impossibile.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof