Cerca
  • Libereria

COME FIORIRE DA UN'UMILIAZIONE di Carmen Sabato

Restava a guardare il mondo sfrecciare con impazienza su strade umide

Lei sentiva il cuore di tutti uscire dal petto e correre più veloce di un fuoristrada

Guardava il suo interno specchiarsi su ogni vetro su ogni goccia

Vedeva da una parte i suoi doni

dall'altra le paure da superare per raggiungerli

Una vecchia le passa accanto spingendola e sorridendo poi

di tale umiliazione

Così quell'ignoto passante le mostra la ferita profonda da affrontare

La sente brillare

Vede i suoi doni al di là dell'asfalto

Forza coraggio volontà tutti seduti sulla panchina di sosta fermi lì da sempre

In mezzo a dividerli la strada trafficata

e impaziente e pazza

E lei non era pazza semplicemente folle semplicemente viva

Nessuna striscia pedonale

nessun semaforo nessun permesso

Attraversò senza timore l'asfalto come passare dentro ogni auto

con forza sapiente e dolce

rinacque prepotente come pianta officinale

tra le crepe di un marciapiede

ricongiunse finalmente se stessa

41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof