Cerca
  • Libereria

COME FIORIRE DA UN'UMILIAZIONE di Carmen Sabato

Restava a guardare il mondo sfrecciare con impazienza su strade umide

Lei sentiva il cuore di tutti uscire dal petto e correre più veloce di un fuoristrada

Guardava il suo interno specchiarsi su ogni vetro su ogni goccia

Vedeva da una parte i suoi doni

dall'altra le paure da superare per raggiungerli

Una vecchia le passa accanto spingendola e sorridendo poi

di tale umiliazione

Così quell'ignoto passante le mostra la ferita profonda da affrontare

La sente brillare

Vede i suoi doni al di là dell'asfalto

Forza coraggio volontà tutti seduti sulla panchina di sosta fermi lì da sempre

In mezzo a dividerli la strada trafficata

e impaziente e pazza

E lei non era pazza semplicemente folle semplicemente viva

Nessuna striscia pedonale

nessun semaforo nessun permesso

Attraversò senza timore l'asfalto come passare dentro ogni auto

con forza sapiente e dolce

rinacque prepotente come pianta officinale

tra le crepe di un marciapiede

ricongiunse finalmente se stessa

41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i