Cerca
  • Libereria

COME FIORIRE DA UN'UMILIAZIONE di Carmen Sabato

Restava a guardare il mondo sfrecciare con impazienza su strade umide

Lei sentiva il cuore di tutti uscire dal petto e correre più veloce di un fuoristrada

Guardava il suo interno specchiarsi su ogni vetro su ogni goccia

Vedeva da una parte i suoi doni

dall'altra le paure da superare per raggiungerli

Una vecchia le passa accanto spingendola e sorridendo poi

di tale umiliazione

Così quell'ignoto passante le mostra la ferita profonda da affrontare

La sente brillare

Vede i suoi doni al di là dell'asfalto

Forza coraggio volontà tutti seduti sulla panchina di sosta fermi lì da sempre

In mezzo a dividerli la strada trafficata

e impaziente e pazza

E lei non era pazza semplicemente folle semplicemente viva

Nessuna striscia pedonale

nessun semaforo nessun permesso

Attraversò senza timore l'asfalto come passare dentro ogni auto

con forza sapiente e dolce

rinacque prepotente come pianta officinale

tra le crepe di un marciapiede

ricongiunse finalmente se stessa

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin