Cerca
  • Libereria

COME NUBI di Giacomo Rossi

Come nubi figlie d'un sogno potessi or volare,

lasciare qua le lacrime ed i pesi,

i fili tesi delle mie ansie sciolti

al sole che si cela oltre le nubi.


Ho invece da vivere il riflesso sbiadito

d'un uomo e riempire immagini austere

di giornate che fuggono gli affetti.


Ho voluto esiliarmi di silenzio

sconfitto da nessuno e coprirmi d'orgoglio

e di vergogna, senza lume.


Perché così presto volto al martirio

sotto nessun segno, senza frasi

e sopra i resti di false bandiere,

con la cenere sul volto, perché?


La vita è in fondo un'attesa

tra ciò che non fosti e ciò che non sarai.


La morte sfibra mentre si osserva il nulla

sorgere dal niente e ritornare, insensibile.


Come annegando cerco ogni inutile raggio di sole,

disperato anelando luce, fuggo stanco dal sole.

43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st