Cerca
  • Libereria

CONTA di Maria Teresa de Carolis

Conta le spille cadute in terra

I sassi nel mulino

Conta i giorni di pioggia

Le giornate di lacrime

Conta le impronte sulla sabbia

I granelli scricchiolanti

Conta il ticchettio dell’orologio

I capelli tagliati

Conta le grida, i pugni sul tavolo

I bicchieri frantumati

Conta i vagiti, le nottate insonni

I sogni spezzati

Conta le delusioni, le gioie

Le dipartite

Conta le attese e le fughe

I ragni sul muro

Conta i respiri affannati

Le corse per prendere l’autobus

Conta i giorni di scuola

I giardini assolati

Conta gli animali, il loro amore

Le buche di dolore

Conta la fine e l’inizio di tutto

Le storie e i ricordi

Conta le malattie

Le guarigioni

Conta le gocce del mare

Le nuvole

Conta i rami spezzati dal vento

Le foglie ingiallite

Conta i fiori

Le stagioni

Conta le rughe

La pelle che cade

Conta l’inquietudine

La fretta

Conta le scale

Le case

Conta i tetti crollati

Le guerre

Conta le vite

Le morti

Conta tutto

Poi torna indietro

E buttalo via

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof