Cerca
  • Libereria

CONTA di Maria Teresa de Carolis

Conta le spille cadute in terra

I sassi nel mulino

Conta i giorni di pioggia

Le giornate di lacrime

Conta le impronte sulla sabbia

I granelli scricchiolanti

Conta il ticchettio dell’orologio

I capelli tagliati

Conta le grida, i pugni sul tavolo

I bicchieri frantumati

Conta i vagiti, le nottate insonni

I sogni spezzati

Conta le delusioni, le gioie

Le dipartite

Conta le attese e le fughe

I ragni sul muro

Conta i respiri affannati

Le corse per prendere l’autobus

Conta i giorni di scuola

I giardini assolati

Conta gli animali, il loro amore

Le buche di dolore

Conta la fine e l’inizio di tutto

Le storie e i ricordi

Conta le malattie

Le guarigioni

Conta le gocce del mare

Le nuvole

Conta i rami spezzati dal vento

Le foglie ingiallite

Conta i fiori

Le stagioni

Conta le rughe

La pelle che cade

Conta l’inquietudine

La fretta

Conta le scale

Le case

Conta i tetti crollati

Le guerre

Conta le vite

Le morti

Conta tutto

Poi torna indietro

E buttalo via

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st