Cerca
  • Libereria

DEADLY di Majlinda Petraj

Dimoro tra pigne di vestiti consumati.

Ostaggio del colore del vuoto

e del profumo rimasto tra le fibre.


Non vorrei donare a questi involucri

la fragilità del mio corpo.

Non vorrei fasciarmi

in doni preziosi senza anima.


Abbraccio la mia nudità

qualcuno saprà leggere i capillari

che si estendono a mappa;

la geografia dell'essere.


Metterò fuoco alla voglia di scintillare

m'ha stancato tutto,

le ciglia cariche di rimmel

la bocca disegnata di rosso,


Dove sono?


Lo smarrimento

ci rende vulnerabili

perdiamo il contatto,

scendere senza corrimano

in un profondo io

abissale.

Il rumore della caduta.

Per rendersi conto della mortalità

e dell'eterno

dei bisbigli di coscienza


Scacco matto.

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

I tuoi capelli che scendono a croce decidono il confine cancellabile fingendo contro altezze steccati disegnati mentre tutta in moto acceso mi avverti in basso con la curva di due scalini che invadono

Ma non guardarti è sprecare un buon tempo come non poter raggiungere il mare arrendersi alle dune se le palpebre abbandonano i sogni Ma non ascoltarti toglie ogni senso a questo viaggio con le ruote c

Te ne sei andato all’improvviso. La vita è volata via con mille rimpianti. Ma hai fatto in tempo a godertela, hai fatto in tempo a prenderla in giro. Hai danzato sul filo dei giorni, hai preteso di pi