Cerca
  • Libereria

DEADLY di Majlinda Petraj

Dimoro tra pigne di vestiti consumati.

Ostaggio del colore del vuoto

e del profumo rimasto tra le fibre.


Non vorrei donare a questi involucri

la fragilità del mio corpo.

Non vorrei fasciarmi

in doni preziosi senza anima.


Abbraccio la mia nudità

qualcuno saprà leggere i capillari

che si estendono a mappa;

la geografia dell'essere.


Metterò fuoco alla voglia di scintillare

m'ha stancato tutto,

le ciglia cariche di rimmel

la bocca disegnata di rosso,


Dove sono?


Lo smarrimento

ci rende vulnerabili

perdiamo il contatto,

scendere senza corrimano

in un profondo io

abissale.

Il rumore della caduta.

Per rendersi conto della mortalità

e dell'eterno

dei bisbigli di coscienza


Scacco matto.

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st