Cerca
  • Libereria

DI PADRE IN FIGLIO di Luigi Costantino

Sono nato.

Sono morto.

Sono rinato.

Questo inizio è sbagliato.

Sono nato

e ho vissuto

ma senza di te

non sarei stato.

Posso usare la parola mancanza:

non basta.

Posso usare la parola figlio:

direi troppo poco.

Sono nato

dai tuoi occhi

e dai tuoi sogni.

Sono nato, sei nato

tanti anni fa.

Oggi il tempo si è fermato.

Ho l'urgenza di ricordare

mi hanno messo al mondo

i tuoi abbracci

le tue azioni


oggi voglio rinascere

guardandoti danzare.

La musica deve continuare.

Che il ballo sia infinito:

preghiamo.

59 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st