Cerca
  • Libereria

DI PADRE IN FIGLIO di Luigi Costantino

Sono nato.

Sono morto.

Sono rinato.

Questo inizio è sbagliato.

Sono nato

e ho vissuto

ma senza di te

non sarei stato.

Posso usare la parola mancanza:

non basta.

Posso usare la parola figlio:

direi troppo poco.

Sono nato

dai tuoi occhi

e dai tuoi sogni.

Sono nato, sei nato

tanti anni fa.

Oggi il tempo si è fermato.

Ho l'urgenza di ricordare

mi hanno messo al mondo

i tuoi abbracci

le tue azioni


oggi voglio rinascere

guardandoti danzare.

La musica deve continuare.

Che il ballo sia infinito:

preghiamo.

55 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr