top of page
Cerca
  • Libereria

...DI PARLARE D'AMORE di Lorena Giardino

È tardi, madre.

È tardi, padre.

Scende la sera ormai come un manto sul mondo,

Resiste a lei ma poi si arrende, ciò che ancor resta del giorno.

È tardi.

Ed i passi lenti proseguono, nel riverbero del tramonto.

Ed io guardo voi, le mani intrecciate ancora e sempre in fragili sentieri di stelle

in questo abbraccio stretto stretto

lungo una vita

e mi capita di pensare, a volte, che se con penna e carta

le rughe vostre io ricalcassi, esse sul foglio vita prenderebbero

per raccontare una storia, la vostra storia.

È tardi, madre.

È tardi, padre.

Scende la sera ormai, come un manto sul giorno.

E mi capita di pensare che se di descrivere l'amore

io mai avessi bisogno

di voi io parlerei

della vostra vita insieme, come un lungo e bellissimo sogno.

Descriverei le vostre attese,

le vostre tenerezze

ed anche i litigi e le manchevolezze.

Di voi se mi chiedessero io solo parlerei,

o forse starei in silenzio

e una vostra foto mostrerei.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page