Cerca
  • Libereria

DISCORSI DI UNA NOTTE di Mariateresa Scionti

La distanza consuma,

la mancanza accende,

il desiderio arde.

Le parole cessano.


La linea dell'orizzonte

crea un sorriso,

lì, in quella terra di mandorli e zagare.

Il vento accarezza

il confine tra sogno e desiderio.


Un silenzio eloquente

a volte le parole sono superflue.

Si bloccano sulle labbra,

gli occhi parlano.


Hai consumato chilometri,

pensieri,

ricordi,

emozioni,

si infrangono come onde sugli scogli,

davanti ai tuoi occhi.


All'imbrunire,

quando la notte prende il sopravvento,

nel silenzio di stelle,

maestosa, la Luna, si erge tra le nuvole.


Le tue labbra hanno colmato i dubbi.

Ricordi quelle terre conosciute,

di quei luoghi

che ti restano dentro, che senti di avere dentro.

Sai come si chiamano quegli spazi tra gli attimi e l'eternità?

77 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria