Cerca
  • Libereria

DISCORSI DI UNA NOTTE di Mariateresa Scionti

La distanza consuma,

la mancanza accende,

il desiderio arde.

Le parole cessano.


La linea dell'orizzonte

crea un sorriso,

lì, in quella terra di mandorli e zagare.

Il vento accarezza

il confine tra sogno e desiderio.


Un silenzio eloquente

a volte le parole sono superflue.

Si bloccano sulle labbra,

gli occhi parlano.


Hai consumato chilometri,

pensieri,

ricordi,

emozioni,

si infrangono come onde sugli scogli,

davanti ai tuoi occhi.


All'imbrunire,

quando la notte prende il sopravvento,

nel silenzio di stelle,

maestosa, la Luna, si erge tra le nuvole.


Le tue labbra hanno colmato i dubbi.

Ricordi quelle terre conosciute,

di quei luoghi

che ti restano dentro, che senti di avere dentro.

Sai come si chiamano quegli spazi tra gli attimi e l'eternità?

77 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria