Cerca
  • Libereria

DISCORSI DI UNA NOTTE di Mariateresa Scionti

La distanza consuma,

la mancanza accende,

il desiderio arde.

Le parole cessano.


La linea dell'orizzonte

crea un sorriso,

lì, in quella terra di mandorli e zagare.

Il vento accarezza

il confine tra sogno e desiderio.


Un silenzio eloquente

a volte le parole sono superflue.

Si bloccano sulle labbra,

gli occhi parlano.


Hai consumato chilometri,

pensieri,

ricordi,

emozioni,

si infrangono come onde sugli scogli,

davanti ai tuoi occhi.


All'imbrunire,

quando la notte prende il sopravvento,

nel silenzio di stelle,

maestosa, la Luna, si erge tra le nuvole.


Le tue labbra hanno colmato i dubbi.

Ricordi quelle terre conosciute,

di quei luoghi

che ti restano dentro, che senti di avere dentro.

Sai come si chiamano quegli spazi tra gli attimi e l'eternità?

77 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS203 di Alessandro Mazzà

La vita è un film che racconta la storia di una vita con la pubblicità in mezzo La testimonial non testimonia un bel niente e ha dei bruttissimi pantaloni a zampa color viola Questa casa inquadratura

VELI di Sandra Iai

Scusa ma non ho capito cosa vorresti da me Vorresti forse che accendessi il sole ma lui splende da millenni senza il mio aiuto Vorresti che arginassi il mare ma le sue sponde lo abbracciano già senza

RICONQUISTA di Valentino Picchi Hechìzo

Geometria di rami e costole il mio torace toccato dal vento che copre gli ideali come un guscio la sua perla: è l'oceano intero. Sposato con tutto matrimonio del mondo lui non cambia io divengo geomet