Cerca
  • Libereria

DISCORSI DI UNA NOTTE di Mariateresa Scionti

La distanza consuma,

la mancanza accende,

il desiderio arde.

Le parole cessano.


La linea dell'orizzonte

crea un sorriso,

lì, in quella terra di mandorli e zagare.

Il vento accarezza

il confine tra sogno e desiderio.


Un silenzio eloquente

a volte le parole sono superflue.

Si bloccano sulle labbra,

gli occhi parlano.


Hai consumato chilometri,

pensieri,

ricordi,

emozioni,

si infrangono come onde sugli scogli,

davanti ai tuoi occhi.


All'imbrunire,

quando la notte prende il sopravvento,

nel silenzio di stelle,

maestosa, la Luna, si erge tra le nuvole.


Le tue labbra hanno colmato i dubbi.

Ricordi quelle terre conosciute,

di quei luoghi

che ti restano dentro, che senti di avere dentro.

Sai come si chiamano quegli spazi tra gli attimi e l'eternità?

77 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof